In evidenza

 

Organigramma e uffici tematici 2013-2016

 la squadra

    Conosci la nostra squadra

Age stampa


ci siamo!

Home

A papà e mamma il diritto di educare i figli

“I bambini hanno diritto a un padre e a una madre”: questa frase pronunciata da Papa Francesco in occasione del suo recente incontro con i rappresentanti del BICE (Ufficio Internazionale Cattolico per l’Infanzia) offre lo spunto per una riflessione su quanto sta accadendo in questi ultime settimane nel nostro Paese.

Leggi tutto: A papà e mamma il diritto di educare i figli

 

Il video sul convegno A.Ge. "La Chiesa per la scuola" (Roma, 22 febbraio 2014)

L'A.Ge. ha realizzato un breve video sul convegno “La Chiesa per la scuola. Il messaggio della Chiesa nella relazione educativa tra famiglia e scuola”, organizzato dall’Associazione italiana genitori il 22 febbraio scorso a Roma presso l’Holiday Inn, come preparazione all’incontro del 10 maggio tra Papa Francesco e il mondo delle scuole italiane. Lo scopo è aiutare le A.Ge. locali nella loro azione di promozione della giornata del 10 maggio.

 

“Uno di noi”, due milioni di europei firmano in difesa degli embrioni

 

“Due milioni di cittadini europei hanno voluto testimoniare pubblicamente il valore della vita umana e confidano nel carattere democratico delle istituzioni europee”. Lo ha detto questa mattina a Bruxelles, in apertura dell’audizione pubblica sull’iniziativa “Uno di noi” presso il Parlamento Europeo, il presidente del Comitato europeo di cittadini che ha promosso la raccolta firme, Patrick Gregor Puppinck.

Leggi tutto: “Uno di noi”, due milioni di europei firmano in difesa degli embrioni

 

Lettera aperta per una comunicazione a misura di ragazzi

La scrive il Forum “Bambini e Mass Media”, che lancia una petizione online. Quarto: “Battaglia culturale oltre l’audience”. L’adesione dell’Age.

“Dopo la Carta di Treviso e la Carta di Milano, ecco la Lettera di Bari, per andare oltre le regole, molto spesso disattese, e proporre una crescita culturale che ci riguarda tutti”. Enzo Quarto, presidente dell’Unione cattolica stampa italiana (Ucsi) Puglia, spiega così “La lettera aperta agli operatori della comunicazione, agli educatori, alle imprese, alle istituzioni governative, territoriali, economiche, scolastiche, culturali e sociali” redatta dal neonato Forum “Bambini e mass media” di cui è portavoce. Fondato a Bari contemporaneamente alla IV Conferenza Nazionale sull’Infanzia e sull’Adolescenza, il Forum “Bambini e mass media” nasce – prosegue Quarto - nella convinzione che si può comunicare ogni cosa nel rispetto della persona umana. Che protagonisti e fruitori della comunicazione possano trarre solo vantaggi da un linguaggio della comunicazione che tenga conto dei bambini e degli adolescenti. Una comunicazione a misura loro è una comunicazione buona per tutti.I sogni possono essere la nostra guida maestra e a volte si realizzano. Meglio averne che non averne. Crederci aiuta ancora di più a condividere i sogni come comunità”.

Leggi tutto: Lettera aperta per una comunicazione a misura di ragazzi

 

Elezioni. Un manifesto per l’Europa nel nome della famiglia

Il primo manifesto elettorale pensato in chiave europea. È “Vote For Family 2014 - Corro per la famiglia, anche in Europa” promosso in tutti i Paesi Ue dalle associazioni familiari europee riunite nella Fafce ed in Italia dal Forum delle associazioni familiari (che della Fafce fa parte).

Il Manifesto, articolato su 12 punti, verrà proposto ai candidati alle prossime elezioni europee che con la sottoscrizione si impegneranno, se eletti, a difendere la famiglia basata sul matrimonio tra uomo e donna e la vita dal concepimento al termine naturale, a riconoscere la famiglia come soggetto sociale, a promuovere il “family mainstreaming”, a sostenere politiche di conciliazione famiglia lavoro e politiche economiche sostenibili e redistributive.

Il Manifesto sarà illustrato in una conferenza stampa, mercoledi 9 aprile alle ore 12, presso la sala stampa della Camera.

L'iniziativa, di respiro continentale, è condotta in collaborazione con la Fafce (Federazione europea delle associazioni familiari cattoliche). «Dobbiamo essere consapevoli che le decisioni prese a Bruxelles sono di fondamentale importanza anche per noi, per la nostra vita quotidiana. Siamo convinti europeisti, e proprio per questo desideriamo cambiare l'Europa affinché l'Europa faccia gli interessi dei popoli europei», spiega Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari, che presenta il Manifesto. «La campagna – aggiunge - è un'occasione per convincere i candidati che i valori della famiglia e della vita sono irrinunciabili per costruire un'Europa più giusta, più solidale, più rispettosa dei diritti della persona» .

«Vogliamo mandare» al Parlamento Ue «persone che abbiano a cuore un'Europa che parte dal basso, e che riconosce che sono prima di tutto i cittadini e le famiglie a costruire la società». Belletti spiega inoltre che, dopo le elezioni, dovrà essere compito delle associazioni delle famiglie non lasciar soli gli eletti, aiutandoli «a perseguire questi obiettivi, ma anche verificando che alla firma del manifesto corrisponda poi un impegno concreto». I nomi dei candidati che sottoscriveranno il manifesto verranno resi noti il 15 maggio in occasione della Giornata internazionale della famiglia». Tra i 12 punti del manifesto figurano: riconoscere la complementarietà tra uomo e donna; definire, rispettare e promuovere l'istituzione matrimoniale. E, ancora, si chiede ai candidati di rispettare la dignità dell'uomo dal concepimento al termine naturale della vita, di riconoscere il principio secondo cui «padre e madre sono i primi e principali educatori dei propri figli», «riconoscere il valore del lavoro familiare e il valore del volontariato», operare per un «equilibrio tra la vita familiare e la vita professionale», costruire una «economia al servizio della famiglia».

Il manifesto è disponibile nel sito www.forumfamiglie.org.

 

 

Pagina 1 di 2