Le associazioni A.Ge. raccolgono gruppi di genitori che, ispirandosi ai valori della Costituzione Italiana, delle Dichiarazioni dei Diritti dell’Uomo e del Fanciullo e dell’etica cristiana, intendono partecipare alla vita sociale per fare della famiglia un soggetto politico.

Rinnovo degli organi collegiali della scuola 2018: breve guida alle elezioni dei genitori.

BREVE GUIDA ALLE ELEZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO

Informazioni tratte dall’Ordinanza Ministeriale n. 215 del 15 Luglio 1991

Cos’è e che funzioni ha il consiglio di istituto

Il Consiglio di Istituto è un Organo Collegiale dove sono rappresentate tutte le componenti dell’Istituto (docenti, studenti, genitori e personale non docente, cosiddetto ATA) con un numero di rappresentanti variabile a seconda delle dimensioni della scuola (Istituti scolastici fino a 500 alunni: 6 genitori + 6 docenti + 1 ATA + il preside (nelle scuole superiori: 3 genitori + 3 studenti + 1 ATA + il preside) Istituti scolastici oltre i 500 alunni: 8 genitori + 8 docenti + 2 ATA + il preside (nelle scuole superiori: 4 genitori + 4 studenti + 2 ATA + il preside)).                             Ogni rappresentanza viene eletta all’interno della sua componente mediante consultazioni elettorali regolarmente effettuate all’interno dell’Istituto. Per i membri del Consiglio il mandato è triennale.

Il consiglio d’istituto è l’organo collegiale di governo dell’istituzione scolastica. Come tale esercita la funzione di indirizzo politico-amministrativo, definendo gli obiettivi e i programmi da attuare; elabora e adotta gli indirizzi e le finalità generali dell’azione formativa e determina le forme di autofinanziamento della scuola. La gestione dell’istituzione e le relative responsabilità fanno capo al dirigente scolastico.

L’esercizio della funzione di indirizzo del consiglio trova la sua massima espressione attraverso:

– l’approvazione del programma annuale, predisposto dal DSGA e dal Dirigente e proposto dalla giunta esecutiva;

-l’individuazione dei criteri generali su diverse materie che regolano la vita della scuola.

Spettano altresì al Consiglio di Istituto altri compiti, fra i quali:

-l’adattamento del calendario scolastico alle condizioni locali e ambientali;

-la definizione di criteri per la programmazione e l’attuazione delle attività parascolastiche, interscolastiche, extrascolastiche, con particolare riguardo ai corsi di recupero e di sostegno, alle libere attività complementari, alle visite guidate e ai viaggi di istruzione;

-la promozione di contatti e la costituzione di reti con altre scuole o istituti;

-la partecipazione ad attività culturali, sportive e ricreative di particolare interesse educativo;

-la definizione dei criteri generali relativi alla formazione delle classi e all’assegnazione ad esse dei singoli docenti;

-l’espressione del parere sull’andamento generale, didattico ed amministrativo;

-l’uso delle attrezzature e degli edifici scolastici.

La legge 107/2015, cd.  La Buona Scuola, ha assegnato al Consiglio di Istituto il compito di scegliere due genitori e un docente che andranno a far parte del nuovo Comitato di Valutazione che dovrà elaborare i criteri per l’assegnazione del bonus premiale ai docenti.

Dai vari compiti a cui è preposto il Consiglio di Istituto si capisce come sia necessario e importante partecipare a questo organismo.                                                                                                                                             Vi possono essere almeno due modi di partecipare:

 In maniera diretta, dando la propria disponibilità a essere eletti;

 In maniera indiretta, partecipando alle elezioni e mantenendo i rapporti con i consiglieri eletti, segnalando proposte, problematiche e difficoltà.

La Commissione Elettorale

La commissione elettorale, nominata dal Dirigente scolastico, è composta da cinque membri designati dal consiglio di istituto: due tra i docenti e uno tra il personale A.T.A. in servizio nel circolo o istituto; due tra i genitori degli alunni iscritti.

Le Liste

Chi può essere eletto: Tutti i genitori degli alunni dell’istituto possono candidarsi per le elezioni al Consiglio. Nel caso in cui un genitore nella stessa scuola abbia più ruoli (ad esempio docente della scuola e genitore di un alunno), e si voglia candidare, deve esprimere per quale rappresentanza egli intenda farlo. Il numero di candidati per lista può essere: negli Istituti scolastici fino a 500 alunni da 1 a 12 per i genitori e per i docenti; da 1 a 2 per gli ATA (nelle scuole superiori: 3 genitori + 3 studenti + 1 ATA + il preside). Negli Istituti scolastici oltre i 500 alunni: da 1 a 16 per i genitori e i docenti + da 1 a 4 per gli ATA (nelle scuole superiori: 4 genitori + 4 studenti + da 1 a 4 per gli ATA).

Gli elenchi dei candidati vanno consegnati in segreteria e sono pubblicati entro il 25° giorno prima delle elezioni. Dalla pubblicazione si hanno 5 giorni di tempo per effettuare eventuale ricorso alla Commissione Elettorale.

Presentazione delle liste

Le liste vanno presentate dal 20° al 15° giorno prima della data delle elezioni. Per la presentazione delle liste è necessario rivolgersi alla segreteria che potrà fornire gli appositi moduli:

  • un modulo dove viene compilato l’elenco in ordine progressivo dei candidati con nome, cognome, luogo e data di nascita.
  • un modulo per ogni candidato di accettazione della candidatura con firma autenticata.

La lista che contiene l’elenco dei candidati deve riportare anche un motto identificativo della stessa. Ogni lista non deve superare il doppio della rappresentanza in Consiglio. Se sono 8 i rappresentanti della componente genitori, la lista ne può contenere al massimo 16.                                                                                                                                                     Ogni candidato deve compilare un apposito modulo nel quale accetta la candidatura.                                           Poiché serve l’autenticazione della firma o ogni candidato si presenta all’istituto e firma il modulo davanti al dirigente, o a un suo delegato, o allega al modulo compilato copia di un documento di identità valido.                                                                                                                                                                                                                        La lista, per essere accettata, deve avere poi il sostegno di un numero di persone (presentatori) della stessa componente (genitori della scuola) che dal corpo elettorale ovvero da quanti genitori votano. Se gli elettori (sia genitori, sia docenti, sia ATA) sono meno di 10: sono sufficienti 2 firme di elettori appartenenti alla stessa componente; se gli elettori (sia genitori, sia docenti, sia ATA) sono meno di 100: sono suff. 1/10 delle firme di elettori appartenenti alla stessa componente; se gli elettori (sia genitori, sia docenti, sia ATA) sono più di 100: sono necessarie 20 firme di elettori appartenenti alla stessa componente. Anche questo modulo deve avere la firma autenticata.  I presentatori della lista non possono essere i candidati stessi.                                                                      La lista deve essere portata alla segreteria, nelle date prefissate, personalmente da uno dei presentatori.                  La commissione verifica la regolarità delle liste. Si hanno 5 giorni di tempo in caso di contestazioni per il ricorso alla commissione.

Presentazione Candidati

I programmi delle liste possono essere presentati, attraverso apposite riunioni, soltanto dai presentatori della lista. Le riunioni possono essere tenute dal 18° al 2° giorno antecedente la data delle elezioni. Nello stesso periodo è consentita la distribuzione, nei locali della scuola, di scritti relativi ai programmi (volantini, pieghevoli, ecc.).

Costituzione Seggi

La norma stabilisce che “per ogni sede di istituto, per ogni plesso, per ogni sezione staccata o sede coordinata o succursale deve essere costituito almeno un seggio o più, a prescindere dal numero degli alunni”.

Il seggio elettorale è composto da un presidente e da due scrutatori, di cui uno funge da segretario, che sono scelti tra coloro che fanno parte delle categorie da rappresentare.  Tutte le categorie con diritto al voto devono essere rappresentate. La partecipazione ai seggi è un modo per monitorare da vicino il regolare svolgimento e la partecipazione alle elezioni.

I candidati non possono far parte del seggio. I seggi vengono nominati dal dirigente scolastico, su designazione della commissione elettorale, entro il 5° giorno precedente le elezioni. Se si desidera è possibile nominare un rappresentante di lista. La nomina deve essere fatta dal primo firmatario della lista presso la commissione elettorale.

Come si vota

Gli elettori si devono recare al seggio muniti di documento.  Il riconoscimento dell’elettore può essere fatto anche da uno dei membri del seggio, senza esibizione del documento, o da un elettore presente al seggio già riconosciuto. Prima di ricevere la scheda, l’elettore firma accanto al proprio nome e cognome nella lista degli elettori.

Il voto viene espresso apponendo un segno sulla lista prescelta. Nel caso si voglia esprimere una preferenza (al massimo 2) è necessario apporre un segno a fianco del candidato o candidati prescelti.

Scrutinio e attribuzione seggi

Ogni seggio, al temine delle operazioni, esegue lo spoglio delle schede, prendendo nota dei voti per ogni lista, e delle eventuali preferenze sul verbale delle operazioni. Al temine di tutte le operazioni di spoglio si procederà all’attribuzione dei posti.

  Proclamazione eletti

Una volta attribuiti i posti si procede alla proclamazione degli eletti. La comunicazione degli eletti viene affissa all’albo della scuola. Vi sono 5 giorni di tempo per presentare eventuali ricorsi alla commissione elettorale. Una volta trascorsi i giorni utili a presentare ricorso vengono nominati i membri del consiglio, che verrà convocato dal dirigente scolastico non oltre il 20° giorno dalla proclamazione degli eletti. Nella prima seduta il consiglio, presieduto dal Dirigente scolastico, elegge tra i rappresentanti dei genitori, membri del consiglio stesso, il proprio presidente.

In collaborazione con l’ufficio scuola AGe

Info: ufficioscuola@age.it




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Abbiamo aggiornato l'Informativa secondo la "EU Cookie Law". Puoi continuare ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su "Accetta" permettendo il loro utilizzo.

Chiudi