Le associazioni A.Ge. raccolgono gruppi di genitori che, ispirandosi ai valori della Costituzione Italiana, delle Dichiarazioni dei Diritti dell’Uomo e del Fanciullo e dell’etica cristiana, intendono partecipare alla vita sociale per fare della famiglia un soggetto politico.

Pediatri: Genitori, vaccinate i vostri figli

110506-111

Il 48% delle famiglie ritiene i vaccini pericolosi. Ma i medici smentiscono: “Rischi per malattie infettive per i bambini a causa della forte diminuzione delle vaccinazioni. Nessun nesso tra vaccini e autismo”. Nasce il portale vaccini.sip.it per la corretta informazione ai genitori.

“Nel Lazio e a Roma la riduzione delle vaccinazioni supera complessivamente il 10-15% e, in particolare, per le vaccinazioni obbligatorie il calo si aggira intorno al 5%”. Lancia l’allarme Teresa Rongai, segretario della federazione italiana medici pediatri (Fimp) di Roma e provincia. “Questi dati sono estremamente preoccupanti – prosegue – perché le vaccinazioni, dopo gli antibiotici, costituiscono la più grande scoperta di salute pubblica e fa specie oggi sapere che c’è un inversione di tendenza rispetto a una conquista che sembrava ormai acquisita. Spesso i genitori, oggi, sottovalutano i rischi delle malattie infettive in quanto non si assiste ad una vera e propria epidemia, ma spesso a sequele gravi e permanenti”. Non vaccinare i bambini, infatti, può significare esporli a rischi, soprattutto se vanno in scuole dove la copertura vaccinale è bassa.

Nell’ultimo anno in Italia solo per il vaccino MPR (morbillo, parotite e rosolia), vaccinazione raccomandata, si registra una percentuale nettamente al di sotto della soglia necessaria per garantire l’immunità, ovvero il 95%. Riceve il vaccino trivalente solo l’88% della popolazione. Le diminuzioni, soprattutto per rosolia e morbillo, in alcune aree italiane arrivano fino al 25. Ma le vaccinazioni rappresentano hanno permesso ad oggi di eradicare malattie infettive che prima dei vaccini erano causa ogni anno di migliaia di morti. “Pensiamo solo al vaiolo – ricorda Giuseppe Di Mauro, presidente della Società italiana di pediatria preventiva e sociale  (Sipps)  – e all’ultimo caso di infezione naturale da virus che si è verificata in Somalia nel 1977. Il 9 dicembre 1979, due anni dopo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha certificato l’eradicazione del vaiolo. Nel 1980 è stata sospesa la vaccinazione in tutti i Paesi. Le malattie infettive possono essere eliminate, ma occorre rispettare gli obiettivi vaccinali definiti come coperture vaccinali. Fino al momento in cui una malattia infettiva non è stata eliminata, come ad esempio, difterite, tetano e polio, dobbiamo continuare a vaccinare”.

“Tuttavia – sottolinea Rongai – stiamo assistendo, soprattutto nell’ultimo anno, ad un calo significativo delle vaccinazioni anche a causa di messaggi diffusi dai movimenti antivaccinatori che su internet dilagano, fornendo indicazioni fuorvianti per i genitori”. Risultato: “Oggi le mamme hanno paura di vaccinare – insiste Rongai -. Credono ancora che il vaccino MPR causi l’autismo, cosa assolutamente smentita dalla comunità scientifica e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità”. “In sintesi – aggiunge Di Mauro – l’81% delle famiglie ritiene che le vaccinazioni abbiano un ruolo fondamentale nella salute dei bambini. Tuttavia, la metà delle famiglie (48%) considera le vaccinazioni pericolose ed un altro 48% ritiene che le vaccinazioni raccomandate ai bambini siano troppe. Noi pediatri dobbiamo intervenire aiutando le famiglie, ascoltandole e comprendendole, fornendo informazioni aggiornate e complete sui benefici e sui rischi della malattia e della vaccinazione, con un linguaggio chiaro e comprensibile, favorendo la loro consapevolezza dei benefici e dei rischi delle scelte e facilitando il loro processo decisionale”.

Un aiuto a una comunicazione chiara e corretta ai genitori sui vaccini arriva dalla Società italiana di pediatria (Sip), che da aprile ha messo online all’indirizzo http://vaccini.sip.it un nuovo spazio web, a cura della Commissione Vaccini Sip, dedicato proprio all’approfondimento scientifico sulle vaccinazioni pediatriche con notizie, documenti e uno sportello informativo per i pediatri. “Nessuno di noi pensa di dover dispensare lezioni o predicare verità – sottolinea il direttore del Dipartimento di medicina pediatrica dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma Alberto G. Ugazio, che presiede la Commissione -. Siamo convinti che le scelte migliori per i nostri figli possano venire soltanto da una ricerca condivisa che coinvolga in egual misura pediatri e genitori, medici e “laici”, con il supporto indispensabile e prezioso di epidemiologi, farmacologi, igienisti, infermieri ricercatori e tanti altri ancora”.

Emanuela Micucci




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Abbiamo aggiornato l'Informativa secondo la "EU Cookie Law". Puoi continuare ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su "Accetta" permettendo il loro utilizzo.

Chiudi