Le associazioni A.Ge. raccolgono gruppi di genitori che, ispirandosi ai valori della Costituzione Italiana, delle Dichiarazioni dei Diritti dell’Uomo e del Fanciullo e dell’etica cristiana, intendono partecipare alla vita sociale per fare della famiglia un soggetto politico.

La Dichiarazione Universale per i Diritti dell’Infanzia compie 25 anni

imagesLa Dichiarazione per I Diritti dell’Infanzia è stata adottata dall’Onu il 20 novembre 1989, e la data odierna segna anche l’inizio di una più stretta collaborazione tra COFACE  e diverse strutture delle Nazioni Unite, poiché ci è stato concesso lo status consultivo speciale. (1)

Una delegazione di COFACE sarà presente a New York oggi all’incontro dell’Assemblea Generale nel venticinquesimo anniversario dell’adozione della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Infanzia. Questa dichiarazione, che ha elencato nel dettaglio I diritti dei bambini, ha contribuito al miglioramento delle condizioni dell’infanzia nel mondo?  La risposta è sicuramente SI’ , anche se lo scenario continua ad essere a “macchia di leopardo”, e, in particolare in alcune regioni del mondo, I bambini sono tuttora privati dei loro diritti essenziali, sfruttati, vittime di tratte, abusati. In questa Assemblea si farà il punto dei progressi compiuti, si prenderanno in considerazione le sfide che ancora ci attendono, e verranno delineate una serie di soluzioni innovative per la salvaguardia dei diritti dei minori di 18 anni.
Grazie a questa dichiarazione, adottata nel 1989, molti governi hanno inserito nella loro legislazione i diritti dei bambini e I loro bisogni essenziali, e globalmente, rispetto a tempi precedenti, si è avuta una riduzione della mortalità infantile, dei matrimoni tra minori, e sono aumentati I bambini che frequentano la scuola.
“Come ogni altro strumento legislativo la ratifica da parte dei governi è solo l’inizio!” ha detto la Presidente di COFACE Annemie Drieskens. “I tagli alle spese sociali stanno portando ad un aumento della povertà infantile, molte famiglie sono in una condizione di precarietà, incapaci di nutrire, vestire, e mandare a scuola i propri figli come vorrebbero. I Governi e le Istituzioni dell’Unione Europea devono essere più incisivi nell’applicazione degli articoli della Dichiarazione e la Commissione Europea dovrebbe vigilare sull’applicazione degli investimenti sull’infanzia. Ecco perché COFACE è a New York questa mattina, per costruire ponti con le istituzioni delle Nazioni Unite, e cercare di migliorare le politiche familiari in Europa.”

L’evento sara trasmesso in diretta, online  al seguente link.

http://webtv.un.org
www.unicef.org/crc/index_73962.html

 




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Abbiamo aggiornato l'Informativa secondo la "EU Cookie Law". Puoi continuare ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su "Accetta" permettendo il loro utilizzo.

Chiudi