Le associazioni A.Ge. raccolgono gruppi di genitori che, ispirandosi ai valori della Costituzione Italiana, delle Dichiarazioni dei Diritti dell’Uomo e del Fanciullo e dell’etica cristiana, intendono partecipare alla vita sociale per fare della famiglia un soggetto politico.

“Bambini a scuola solo se vaccianti”

 

bambineLo prevede il  Piano 2016-2018 approvato dalle Regioni: possibili sanzioni ai medici che sconsigliano i vaccini. Slitta l’approvazione: il ministero dell’economia chiede approfondimenti

I bambini non vaccinati potrebbero non entrare a scuola. Lo prevede il nuovo Piano vaccini 2016-2018, approvato oggi (ieri, n.d.r.) dalle Regioni. Il testo è invariato rispetto alle anticipazioni delle scorse settimane, e ipotizza “l’obbligo di certificazione dell’avvenuta effettuazione delle vaccinazioni previste dal calendario per l’ingresso scolastico”.

Il Piano sarà sottoposto alla Conferenza Stato-Regioni, ma non ci sarà oggi (ieri, nd.r.) l’atteso parere. Nel corso della riunione al ministero per gli affari regionali, il sottosegretario all’economia Pierpaolo Baretta ha chiesto, a nome del Mef, di rinviare l’esame del provvedimento. La notizia è stata resa nota dal presidente della conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino, uscendo dalla riunione. “Deduco – ha spiegato Chiamparino – che alla base della richiesta di rinvio ci siano approfondimenti di carattere economico”.

Possibili sanzioni ai medici che sconsigliano i vaccini. Il piano approvato dalle Regioni prevede “la ricognizione continua delle possibili violazioni del supporto alla pratica vaccinale e dell’offerta attiva delle vaccinazioni da parte dei medici e del personale sanitario dipendente e convenzionato con il servizio sanitario nazionale. Saranno concertati percorsi di audit e revisioni tra pari, con la collaborazione degli ordini professionali e delle associazioni professionali e sindacali che possano portare anche all’adozione di sanzioni disciplinari o contrattuali qualora ne venga ravvisata l’opportunità”.

In un altro passaggio, il Piano condanna chiaramente i medici “infedeli”: “Ogni operatore sanitario, e a maggior ragione chi svolge a qualsiasi titolo incarichi per conto del Servizio Sanitario Nazionale, è eticamente obbligato ad informare, consigliare e promuovere le vaccinazioni in accordo alle più aggiornate evidenze scientifiche e alle strategie condivise a livello nazionale. La diffusione di informazioni non basate su prove scientifiche da parte di operatori sanitari è moralmente deprecabile, costituisce grave infrazione alla deontologia professionale oltrechè essere contrattualmente e legalmente perseguibile“.

Avvenire, 5 novembe 2015

 




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Abbiamo aggiornato l'Informativa secondo la "EU Cookie Law". Puoi continuare ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su "Accetta" permettendo il loro utilizzo.

Chiudi