Le associazioni A.Ge. raccolgono gruppi di genitori che, ispirandosi ai valori della Costituzione Italiana, delle Dichiarazioni dei Diritti dell’Uomo e del Fanciullo e dell’etica cristiana, intendono partecipare alla vita sociale per fare della famiglia un soggetto politico.

A.GE. E LA BUONA SCUOLA: CHE SIA VERAMENTE LA BUONA SCUOLA PER TUTTI!

L’ A.Ge in questi giorni ha partecipato alle varie audizioni consultative, insieme alle associazioni del Fonags, sui decreti attuativi l.107.

L’ A.Ge, oltre a presentare un documento che rimandava ai vari emendamenti sia alla Camera dei Deputati che al Senato, ha partecipato ad una riunione il 02.02.2017 con la Ministra Fedeli che ha voluto incontrare le associazioni del Fonags per un confronto-ascolto rispetto alla L.107 in attuazione.

La Presidente nazionale A.Ge, Rosaria D’Anna, facendosi portavoce dei genitori, nel suo intervento si è subito soffermata sulla necessità di una scuola che abbia continuità, stabilità e qualità.

In questi ultimi anni si è assistito a troppi mutamenti sul fronte scuola che, pur portando cambiamenti ed innovazioni, spesso non hanno giovato alla didattica tradizionale dello studente.

Il tema della mobilità è stato un argomento su cui l’A.Ge. ha espresso non poche perplessità, come anche la spinosa faccenda delle classi scoperte per mancanza di docenti.  Su queste osservazioni la Ministra, in riferimento ai trasferimenti, ha precisato che si tratterebbe di una possibilità solamente per quest’anno, anche perché, ha spiegato, è bene che il diritto di una parte si equilibri con i diritti delle altre parti.

Altro obiettivo sarebbe quello di ricostruire il patto educativo scuola – genitori – società. È auspicabile che non sia il solito proclama retorico, perché davvero le tre agenzie educative siano in grado e siano messe nelle condizioni di interagire tra loro, riconoscendo come priorità del rispettivo mandato quella di rispondere adeguatamente ai bisogni educativi del minore.

Infine nei pochi minuti a disposizione la presidente ha   rilanciato il tema della sicurezza. Gli interventi sull’edilizia scolastica devono essere preventivi più che riparativi, al bisogno, introducendo la cultura della sicurezza che dia più funzionalità alle strutture scolastiche.

La Ministra, concretamente disponibile all’ascolto, ha concluso ribadendo l’invito alle associazioni ad avanzare proposte che risolvano più che dividano, al fine di conseguire quel mirabile accordo tra ministero, scuola e famiglie di cui tanto si avverte il bisogno.

Come associazione genitori l’A.Ge si è dichiarata aperta e disponibile a tutte le iniziative, le collaborazioni ed i confronti che portino a migliorare il sistema scuola e il conseguente successo formativo degli studenti, sulla scia della già efficace collaborazione intrapresa con il MIUR.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Abbiamo aggiornato l'Informativa secondo la "EU Cookie Law". Puoi continuare ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su "Accetta" permettendo il loro utilizzo.

Chiudi